CIVITAS ROMAE

CIVITAS ROMAE

CIVITAS ROMAE

Messaggioda La Cittadella » 27/04/2012, 12:52

Immagine


CIVITAS ROMAE

Quaderni di studi storici e tradizionali romano-italici

21 aprile MMDCCLXV a.U.c. (2012 e.v.)



Sommario

Incipit / Duodecim aves (Sandro Consolato)

Auctores / Zosimo: Gli aruspici venuti da Narnia (a cura di Mario Enzo Migliori)


Per il decennale della morte di Salvatore Ruta

Dialogando con Salvatore Ruta. Documenti e testimonianze 1980-1985 alle origini di “Cittadella” e del M.T.R.(Renato del Ponte)

Salvatore una volta mi disse… (Gennaro D’Uva)


Romanità e Italianità

Per una storia italiana della Vittoria (Sandro Consolato)

Documenti / 80 anni fa la ‘liberazione’ della Curia Julia

Lo scavo e il restauro della “Curia Senatus” (20.10.1932)

Il Duce visita la Curia del Senato e la Mostra dell’edilizia (16.11.1932)


Storia e Storiografia

La manifestazione della tradizione esoterica a Roma negli anni ’20 del ’900 (Marco Rossi - e Marco Allasia, Enzo Iurato, Sandro Consolato)

Cospirazionismo, crisi del ‘politico’ e declino del nomos europeo. Su Evola lettore di Malynski (Giovanni Damiano)

La Lega Italica. Una società di Stati del XV secolo (Giovanni Damiano)

Caterina Segurana eroina nizzarda: realtà, simbolo o mito? (Achille Ragazzoni)


Dèi, culti, luoghi sacri


Due parole sulla Divinità tutelare di Roma (a proposito di un recente libro) (Gennaro D’Uva)

Minerva per verba (Sandro Consolato)

Il culto dell’acqua e le sue pratiche superstiziose (Ersilia Caetani Lovatelli)

Il pagano onora tutti gli dèi? (Sandro Consolato)

Necropoli di Pantàlica (Oscar Aldo Marino)

Le grandi scoperte di G. Boni sul Palatino (Anton Giulio Bragaglia)


Pagine ritrovate

Massimo Scaligero: Il mistero di Roma (a cura di Sandro Consolato)
Appendice: Evola e Scaligero nel ricordo di Ugo Indrio


Recensioni

François Masai,Pletone e il Platonismo di Mistrà (Mario Giannitrapani)
Maria Capozza, a cura di, Garibaldi e l’antichità. Testi e dizionario storico (Sandro Consolato)
Renato Del Ponte, Favete linguis! (Michela Alessandroni)
Gabriella Chioma, L’ombra (Sandro Consolato)
Klaus Schmidt, Costruirono i primi Templi. 7000 anni prima delle piramidi (Mario Giannitrapani)
Franco Rendich, L’origine delle lingue indoeuropee. Struttura e genesi della lingua madre del sanscrito, del greco e del latino, Palombi Editore, Roma 2007, pp. 422, € 24,00 ; Id., Dizionario Indoeuropeo etimologico comparato delle Lingue Classiche Indoeuropee. Sanscrito - Greco - Latino (Mario Giannitrapani)
“Arthos” n° 20 del 2012 (Sandro Consolato)
Immagine
Avatar utente
La Cittadella
Amministratore
 
Messaggi: 140
Iscritto il: 01/09/2009, 17:44

Re: CIVITAS ROMAE

Messaggioda La Cittadella » 27/04/2012, 12:59

***** EDITORIALE *****

DUODECIM AVES


“Quello che veramente ami rimane,
il resto è scorie
Quello che veramente ami non ti sarà strappato
Quello che veramente ami è la tua vera eredità”

Ezra Pound, Canti Pisani (LXXXI)



“Civitas Romae” deve essere letto ed interpretato dai Lettori come il prolungamento e la conclusione dodecennale dell’attività culturale già condotta col trimestrale di studi romani ed italici “La Cittadella” (2001-2011). I Collaboratori e diversi Amici della pubblicazione da me curata erano da tempo al corrente della mia intenzione di terminarne l’uscita al compimento del dodicesimo anno di vita, entro il Solstizio d’Inverno del 2012, e ciò malgrado l’indubbio successo di essa e i molteplici inviti ad andare avanti. Ma il mio amato Giacomo Boni, nel suo saggio Superstitio del 1912, ricordava: “‘Quando sei riuscito in qualcosa, ritirati’ diceva Lao-tseu”. Il detto è tanto giusto che, benché fossi pronto ad osservarlo, mi è stato impedito di ritirarmi sub eodem signo; va da sé che di chi ha brigato perché ciò accadesse sarà sicuramente la dea Nemesi ad occuparsi, presto o tardi, nei modi dovuti.
L’impegno dei dodici anni è comunque onorato. Tenevo, tenevamo, a questo numero per la sua rilevanza simbolica: è un numero fatale, che segna un ciclo completo di vita, richiama i dodici avvoltoi visti dal re-augure Romolo all’alba di Roma e i dodici saecula etruschi. Ed era anche un numero inscritto nel nome della testata che avevo avuto mandato di rinnovare. Mi piace infatti rendere noto un aneddoto, relativo al primo dei tre incontri che io e gli amici-collaboratori Gennaro D’Uva e Armando Lopes avemmo col grande attore Giorgio Albertazzi. Eravamo ospiti nel suo camerino, presso il Teatro Biondo di Palermo, e il Maestro, stringendo nelle mani uno dei numeri de “La Cittadella” di cui gli avevamo fatto dono, ci pose, con severo sguardo, una domanda del tutto inaspettata: “Quante lettere ha La Cittadella?” Noi rimanemmo imbarazzati, ché mai c’eravamo posti una tale questione, e mentre stavamo ancora a far invano conti nella nostra mente, l’Attore ci diede lui stesso la risposta, con un tono denso di gravitas: “La Cittadella ha dodici lettere”. Dodici, come gli anni che doveva vivere.
In questo 2012 cade anche il decennale della morte dell’Amico e Maestro Salvatore C. Ruta, fondatore e direttore de “La Cittadella” degli anni 1984-1999 e mentore di quella nata nel 2001, nonché fondatore, con Renato Del Ponte, del Movimento Tradizionalista Romano (MTR). “Civitas Romae” affida dunque a Del Ponte il documentato ricordo di quei primi anni Ottanta in cui avvenne il suo incontro con Ruta, all’origine di una feconda attività spirituale e culturale destinata a segnare profondamente gli studi tradizionali in Italia. Ma anche Gennaro D’Uva ha voluto offrirci un suo ricordo di Salvatore, contribuendo altresì alla ricostruzione di una verità tanto solare che il volerla contrastare assomiglia al latrato inane di un cane randagio di fronte ad una statua romana che sfida i secoli.
Il resto del quaderno risulterà senz’altro ampio, vario ed interessante per il lettore. Se Del Ponte nel suo articolo di cui sopra sottolinea che il primo Conventum Italicum all’origine del MTR si tenne il 28 agosto 1985, nel giorno anniversario della dedica dell’altare e della statua della dea Vittoria nella Curia, proprio ai temi della Vittoria nella storia d’Italia e delle sorti della Curia sono rispettivamente dedicati un mio testo (basato su una conferenza tenuta nel 2011 per il Natale di Roma e il 150° dell’Unità) e i due articoli del 1932 che lo seguono, relativi all’acquisizione da parte dello Stato italiano della Chiesa di S. Adriano, che aveva per secoli ‘ricoperto’ l’antico edificio senatoriale, e al restauro dello stesso voluto dal Governo fascista. E se al principio del volume Mario Enzo Migliori introduce il testo di Zosimo relativo all’intervento degli aruspici d’Etruria nella Roma morente del tempo di Alarico, alla fine con le pagine del 1914 di Anton Giulio Bragaglia e quelle del 1939 di Massimo Scaligero siamo invece riportati al mistero delle origini dell’Urbe, all’indagine archeologica su di esso fatta da Giacomo Boni e alla rivitalizzazione esoterico-politica che ne tentò l’esoterismo italiano in epoca fascista.
Un posto particolare lo hanno poi temi storiografici e storici. Viene pubblicata, accompagnata da una contestualizzazione storica di Marco Allasia, una importante conferenza che Marco Rossi, introdotto da Enzo Iurato e da chi scrive, tenne a Padova nel 2004 per l’Associazione “Sol Invictus”, trattando del tema dell’esoterismo a Roma negli anni Venti. Tra gli aspetti di rilievo di quella conferenza – nella cui trascrizione si è voluto lasciare tutto il sapore del parlato – , il ricordo del grande storico Renzo De Felice, di cui Rossi fu allievo, ove emerge il dato poco noto dell’interesse dello storico reatino per la presenza della cultura esoterica tra le pieghe della grande storia. All’interpretazione ‘complottistica’ della storia è invece dedicato il saggio di Giovanni Damiano, centrato su un’opera resa famosa in Italia da Julius Evola, La guerra occulta di Emmanuel Malynski: un testo senza dubbio non privo di elementi suggestivi, ma che ha anche piegato larga parte della cultura tradizionale pure non cattolica ad una visione degli eventi dell’età contemporanea (dal 1789 in poi) del tutto omologa a quella del cattolicesimo reazionario. Ad epoche della storia d’Italia generalmente non trattate anche dal nostro ambiente culturale, sono dedicati inoltre gli scritti dello stesso Damiano sulla Lega Italica del XV secolo e quello di Achille Ragazzoni su una figura ‘mito-storica’ della Nizza del 1543, assediata dai francesi e dai turchi loro alleati: entrambi gli studi ci confermano l’importanza del leggere la storia italiana senza salti, poiché molte problematiche anche attuali diventano più chiare, soprattutto quando si parla del controverso rapporto tra identità italiana ed identità regionali.
Dalle res humanae passando alle res divinae, “Civitas Romae” ripropone un mio vecchio articolo, ignoto a molti, sulle ‘parole di Minerva’, e pure un mio intervento sul tema degli Dei onorabili che destò non molto tempo fa un certo interesse ‘in rete’ ed a cui forse era giusto dare la ‘fissità’ dello scritto su carta. Gennaro D’Uva è dal canto suo intervenuto su un argomento delicatissimo: quello della divinità tutelare di Roma. Il suo è un testo breve ma denso, occasionato dall’uscita nel 2011 di un libro di Marcello De Martino a proposito dello stesso tema e su cui era abbastanza doveroso pronunciarsi (lo ha fatto del resto anche Renato Del Ponte sul n° 20 di “Arthos”). Va fatto notare che D’Uva, che ha una particolare sensibilità per l’argomento, ha anteposto la propria pietas alla propria erudizione: per essere chiari, avrebbe potuto dire molto di più e precisamente, ma si deve comprendere che l’essere ricordati come “religiosissimi mortales” è per noi più importante che essere gratificati con qualche dottorato di ricerca nelle Università, mondo che abbiamo abbandonato una volta finiti gli studi per essere totalmente liberi di studiare e scrivere secondo un’idea ‘militante’ della cultura, ma anche mondo che non disprezziamo affatto e da cui ci sono venuti nel tempo autorevoli apprezzamenti e collaborazioni (ricordo che per “La Cittadella” da me curata hanno scritto i proff. Piero Di Vona e Pio Filippani Ronconi della “Federico II” e della “Orientale”di Napoli, il prof. Enrico Montanari della “Sapienza” di Roma, il prof. Massimo Pittau dell’Università di Sassari). Con l’articolo di Ersilia Caetani Lovatelli su divinità e culti delle acque si conclude anche il nostro lavoro di rivalorizzazione di questa esimia rappresentante dall’antichistica italiana: come mi faceva notare l’amico Tommaso Alessandroni consigliandomi tra i tanti possibili quel testo del 1893, con esso saremmo andati a completare con il mondo delle acque un trittico iniziato ripubblicando gli scritti della Lovatelli sul culto delle pietre e sul culto degli alberi. Infine, si è voluto rievocare il mondo misterioso della Sicilia pregreca con una bella poesia di Oscar Aldo Marino (la cui amicizia è anch’essa un dono di Salvatore Ruta), dedicata alla necropoli di Pantalica.
Nel congedarmi/ci dai nostri Lettori voglio/amo ricordare che essi, e con essi i tanti possibili Lettori ‘postumi’, si trovano a disposizione dodici anni di lavoro, per un totale di 37 quaderni, cui non è sufficiente dedicare una fugace lettura, ma che richiedono un impegno di studio e di riflessione capace di aprire – lo dico lasciandomi alle spalle ogni falsa modestia – molte porte sia in campo spirituale che culturale, dando orientamenti non banali in materia di scelte esoteriche e religiose, di disposizioni etiche, di vedute storiche e persino politiche. Il lavoro intellettuale mio e dei miei collaboratori peraltro non termina certamente: molti di noi scrivono anche su “Arthos”, la storica testata di Renato Del Ponte, collaborano a varie altre pubblicazioni, intervengono su forum in internet, pubblicano libri. E a tal proposito è necessario annunciare che il da molti atteso quaderno speciale dedicato ai temi della “Grande Orma” e della vera identità dei misteriosi esoteristi novecenteschi “Ottaviano” ed “Ekatlos” non è stato dimenticato: apparirà tra non molto come un volume autonomo aprente una nuova collana dei romani “Libri del Graal”, e non deluderà di certo le aspettative di quanti si interessano a quei temi oggetto di controversie infinite. Un altro lavoro abbastanza atteso, il mio libro sul Risorgimento Dell’elmo di Scipio, uscirà anch’esso presto per la nuova casa editrice di e-book Flower-ed, fondata dall’amica Michela Alessandroni, studiosa ben nota ai nostri Lettori. Insomma: ci fermeremo solo se lo vorremo noi.
Se ringrazio genericamente tutti coloro, Autori e Lettori, che hanno condiviso questa avventura spirituale e culturale, un grazie particolare mi sento di doverlo infine dire al generoso amico Serafino Di Luia, senza l’operato del quale tale avventura non sarebbe stata nemmeno pensabile o sarebbe durata al massimo un anno, nonché ai migliori grafici – pazienti disponibili e bravi – dei nostri quaderni: Mauro Curcuruto di Giardini Naxos (nn. 14-28) e le sorelle Carla e Stefania Piermarini di Roma (dal n. 29). Ma giunto a questo punto, devo anche far sapere che il mio lavoro di questi dodici anni deve moltissimo ad un collaboratore, Gennaro D’Uva, che non è stato solo un autore di testi di grande valore, ma anche un attentissimo correttore di bozze, un prezioso consulente culturale ed il fraterno compartecipe di avventure ed “incontri con uomini straordinari” connessi al compiere un opus, del tutto disinteressato, che forse non è dispiaciuto ai Numi della nostra amata Urbs e della nostra cara Saturnia Tellus.

Sandro Consolato
Immagine
Avatar utente
La Cittadella
Amministratore
 
Messaggi: 140
Iscritto il: 01/09/2009, 17:44

Re: CIVITAS ROMAE

Messaggioda La Cittadella » 27/04/2012, 14:32

Per informazioni e prenotazioni: civitasromae@gmail.com
Immagine
Avatar utente
La Cittadella
Amministratore
 
Messaggi: 140
Iscritto il: 01/09/2009, 17:44

Re: CIVITAS ROMAE

Messaggioda Sandro Consolato » 16/05/2012, 12:37

Precisiamo che il volume (di 208 pagine) è stato spedito agli aventi diritto sotto forma di RACCOMANDATA per assicurarne la sicura ricezione.
Avatar utente
Sandro Consolato
 
Messaggi: 651
Iscritto il: 05/09/2009, 23:18

Re: CIVITAS ROMAE

Messaggioda VKK » 29/05/2012, 17:43

Sandro Consolato ha scritto:Precisiamo che il volume (di 208 pagine) è stato spedito agli aventi diritto sotto forma di RACCOMANDATA per assicurarne la sicura ricezione.


Pervenuto. Grazie infinite.
Avatar utente
VKK
 
Messaggi: 297
Iscritto il: 07/09/2009, 15:09

Re: CIVITAS ROMAE

Messaggioda Michele Scoto » 06/06/2012, 18:05

Un vero e proprio libro, notevolissimo. Peccato che si finisca qui :ue
Michele Scoto
 
Messaggi: 316
Iscritto il: 12/09/2009, 22:56

Re: CIVITAS ROMAE

Messaggioda Massimo d'Efeso » 18/06/2012, 20:32

Un numero bellissimo, accompagnato da uno splendido apparato iconografico.
Massimo d'Efeso
 
Messaggi: 140
Iscritto il: 08/10/2009, 23:11

Re: CIVITAS ROMAE

Messaggioda Penn » 06/07/2012, 18:15

Io non ho ancora ricevuto la rivista... :?
CONCORDIA PARVA CRESCVNT
Avatar utente
Penn
 
Messaggi: 190
Iscritto il: 06/09/2009, 14:47
Località: Abudianum/Bozzano (Luk/Lucca)


Torna a CIVITAS ROMAE

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite

cron